L'iniziativa promossa dal Comune di Bivona con l'associazione per la Mobilitazione Sociale onlus è stata finanziata dalla Commissione Europea. I ragazzi simuleranno il funzionamento dei lavori del Parlamento Europeo e presenteranno la risoluzione elaborata nei mesi scorsi sui temi della mobilità, occupazione e ambiente.  Da mercoledì 3 a domenica 7 luglio, 10 giovani maltesi e 10 giovani Italiani saranno a Bivona per presentare i lavori svolti nei mesi scorsi sul tema della democrazia in Europa. In questi giorni i ragazzi saranno impegnati nella simulazione dei lavori del Parlamento Europeo (commissioni, assemblea plenaria, dibattiti e votazioni) e proporranno una risoluzione sui che riguardano la mobilità, l'occupazione e l'ambiente.


Il meeting italiano rappresenta anche la conclusione del progetto "You Democracy", finanziato dal Programma Gioventù in Azione (misura 1.3 "Giovani e Democrazia) promosso e coordinato dal Comune di Bivona in partenariato con l'Associazione per la Mobilitazione Sociale Onlus di Palermo e a Malta dall'associazione Terra di Mezzo 2000 e dal National Youth Council.

"Questo progetto – dichiara il sindaco, On. Giovanni Panepinto – ha rappresentato un momento importante per una conoscenza reciproca e l'approfondimento dei problemi esistenti e delle priorità che le politiche giovanili dovrebbero avere nel nostro comune. I risultati dei lavori che saranno presentati a Bivona rappresentano un nuovo stimolo e punto di partenza per iniziative future".
L'obiettivo principale del progetto, avviato a novembre del 2012, è consiste nel promuovere la partecipazione attiva di gruppi di giovani italiani e maltesi attraverso la sperimentazione diretta di processi di democrazia rappresentativa. Durante il primo scambio avvenuto a Malta lo scorso dicembre 2012, 10 giovani bivonesi hanno avuto la possibilità di visitare il Parlamento maltese e interloquire con esponenti del panorama politico nazionale, apprendendo modalità e funzionamenti dei processi decisionali democratici in vigore.

I giovani si incontreranno prima a Palermo dove visiteranno l'Università e l'Assemblea regionale Siciliana dove svolgeranno alcuni lavori di simulazione sul funzionamento dell'attività parlamentare.

Ultimo aggiornamento (Lunedì 01 Luglio 2013 08:09)